Monopoli: la Polizia arresta nigeriano

Autore Redazione Canale 7 | sab, 30 set 2017 | 3382 viste | Monopoli Polizia-Di-Stato Cronaca

Ad operare  gli agenti del Commissariato di Monopoli

(Da comunicato) - Non “gradisce” il controllo di polizia, rifiuta di mostrare i documenti e inizia a correre per la città a piedi. Una volta raggiunto e fermato aggredisce i poliziotti e viene arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

A seguito di richiesta di intervento nel centro città nei pressi di un supermercato, personale della Polizia di Stato di Monopoli ha cercato di identificare un giovane ragazzo nigeriano che stava infastidendo i dipendenti dell’attività commerciale. Il ragazzo - un richiedente asilo politico - da diverse ore entrava ed usciva dal supermercato manomettendo le confezioni di prodotti alimentari. All’arrivo dei poliziotti acquistava una bottiglietta d’acqua e si lamentava con il titolare dell’attività per aver richiesto l’intervento delle forze dell’ordine. Alla richiesta di documenti il giovane L.K. di 24 anni, fuggiva in modo fulmineo per evitare il controllo e nasceva un inseguimento a piedi con un poliziotto, mentre l’autista della volante seguiva lo straniero con l’autovettura di servizio. Durante la fuga nelle strade del centro di Monopoli, il nigeriano, senza alcun motivo offendeva ed oltraggiava ripetutamente i poliziotti e per cercare di sfuggire ai suoi inseguitori, si sfilava addirittura le scarpe. Ma i poliziotti riuscivano dopo un lungo inseguimento ad invertirsi con grande rapidità nella loro posizione operativa e l’inseguimento a piedi veniva proseguito dal secondo operatore. Il giovane nell’ultimo tratto, ormai sfiancato, entrava velocemente nella stazione ferroviaria ed attraversava incautamente i binari costringendo alla stessa rischiosa corsa anche i suoi inseguitori. A questo punto, una volta bloccato, chiedeva aiuto ad alcuni suoi connazionali che accerchiavano il primo dei poliziotti sopraggiunti e lo spintonavano cercando di farlo desistere dalla sua attività di controllo, quasi riuscendo a far fuggire il connazionale. Solo l’intervento del secondo operatore, con grande difficoltà, consentiva il fermo del ragazzo ma i poliziotti riportavano lesioni ai polsi per la resistenza attiva del nigeriano che aveva aggredito gli operatori di polizia e per l’aggressione subita dal gruppo di 4 persone.

Nonostante tale concreta difficoltà operativa, gli agenti di polizia traevano in arresto il cittadino nigeriano per resistenza a pubblico ufficiale e per disposizione dell’Autorità Giudiziaria, veniva accompagnato presso la Casa Circondariale di Bari.

Nei giorni precedenti, sempre presso la stazione ferroviaria, altri stranieri sono stati denunciati dalla Polizia di Stato di Monopoli. Infatti, in 3 episodi accaduti in pochi giorni si è verificato che durante il transito dei convogli ferroviari dei ragazzi extracomunitari si siano rifiutati di pagare il biglietto e pertanto i rispettivi capotreni chiedessero l’intervento del Commissariato. In un caso, oltre alla contestazione del reato di interruzione di pubblico servizio – avendo causato al treno un ritardo di circa 30 minuti -, un cittadino senegalese veniva anche denunciato per resistenza a pubblico ufficiale.

Per scongiurare ulteriori episodi di molestie nei confronti di imprenditori e clienti dei supermercati sono stati immediatamente effettuati dei servizi specifici di controllo agli stranieri che solitamente chiedono l’elemosina in modo insistente. L’attività già iniziata con la collaborazione della Polizia Locale di Monopoli, verrà proseguita nei prossimi giorni.  

In altri due interventi per incidenti stradali personale del Commissariato di P.S. di Monopoli denunciava alla competente A.G. un monopolitano di 45 anni per aver guidato sotto l’effetto di sostanze stupefacenti (cocaina) ed un conversanese per aver guidato in stato di ebbrezza.

Infine, nel corso della nottata scorsa, durante uno specifico servizio anti-droga, un pregiudicato fasanese veniva trovato in possesso di nr.3 dosi di cocaina e segnalato alla Prefettura di Bari per l’irrogazione delle previste sanzioni amministrative. 

Aggiornamenti e notizie