Monopoli - Per l’area ex cantieri navali proposta l’intitolazione al Capitano Levi

Autore Redazione Canale 7 | Fri, 28 Jan 2022 11:01 | 197 viste | Monopoli Capitano-Levi Giorno-Della-Memoria Amministrazione-Comunale Attualità

La delibera della Giunta Comunale in occasione della Giornata della Memoria che ricorre il 27 gennaio. Le ricerche storiche sono state effettuate dall’arch. Nicola Napoletano.

 

In occasione della Giornata della Memoria che ricorre il 27 gennaio, la Giunta Comunale di Monopoli ha approvato la Delibera n. 11 del 27 gennaio 2022 con la quale viene proposta l’intitolazione al Capitano Enrico Levi (1918-2007) dell’area di Cala Fontanelle (ex Cantieri Navali).

In quell’area negli anni quaranta fu costruito e varato il peschereccio denominato “Sirius” (ribattezzato “Dalin” il 21 agosto 1945), commissionato da Levi con lo scopo nobile di rimpatriare clandestinamente gli scampati all’Olocausto d’Europa svolgendo sotto copertura l’operazione Alyah Bet.

Levi insignito nel 1957 del titolo di Cavaliere Ufficiale della Repubblica Italiana, non raccontò mai lo scopo reale della sua commessa ma riferì che la nave serviva come nave scuola per "giovani pescatori" a cui destinare le 36 angusti posti per i passeggeri. A bordo c’erano 37 persone che furono fatte sbarcare al largo della costa di Cesarea. Da allora il Capitano Levi si rese protagonista di altre traversate e alla fine 70.000 tra uomini e donne saranno trasferiti clandestinamente in Palestina.

La proposta di intitolazione, sollecitata anche dall’Istituto del Nastro Azzurro Fra Combattenti Decorati al V.M. del presidente del Cav. Michele Lafronza, sarà ora inviata alla Prefettura di Bari che dopo il prescritto parere della Società di Storia Patria di Bari provvederà al via libera definitivo.

Il racconto dell’Exodus ne “Le Dossier Levi”. Le ricerche storiche sono state effettuate dall’arch. Nicola Napoletano

Nell’immediato dopoguerra nel porto di Monopoli nei cantieri navali Dormio fu costruito il peschereccio “Sirio” (ribattezzato il 21 agosto 1945 in “Dalin”). A commissionarlo fu il Capitano Enrico Levi con lo scopo nobile di rimpatriare clandestinamente gli scampati all’Olocausto d’Europa svolgendo una operazione sotto copertura denominata Alyah Bet.

 

Levi non raccontò mai lo scopo reale della sua commessa. Anzi, riferì che la nave serviva come nave scuola per "giovani pescatori" a cui destinare le 36 angusti posti per i passeggeri. Abbiamo, però, le prove che sia la popolazione monopolitana che le autorità ecclesiastiche furono messe a conoscenza dello scopo dell'operazione. A pilotare l’imbarcazione, salpata da Monopoli nell’agosto 1945, era un monopolitano così come di Monopoli erano originari due membri dell’equipaggio. A bordo c’erano 37 persone che furono fatte sbarcare al largo della costa di Cesarea. Da allora il Capitano Levi si rese protagonista di altre traversate e alla fine 70.000 tra uomini e donne saranno trasferiti clandestinamente in Palestina.

 

Quella straordinaria impresa è ora documentata in un prezioso documento realizzato dall’architetto monopolitano Nicola Napoletano e presentato nel “Giorno della Memoria 2022” in occasione della mostra fotografica “EXODUS - Le dossier Levi” presso il circolo culturale “E. Curiel” in Lussemburgo dove l’autore si è trasferito da qualche anno. La mostra e la pubblicazione, con gli scatti del Comandante Enrico Levi del 3 agosto 1945 al varo dell'imbarcazione presso il porto di Monopoli, sono patrocinati dal Comune di Monopoli.

 

Si tratta dell’ultimo atto di un percorso avviato dall’architetto Napoletano dodici anni fa e che ha portato in questi anni alla raccolta di una serie di testimonianze in vita, fotografiche e documentali sulla figura del Capitano Levi e di quei monopolitani che, inconsapevoli, portarono a termine un’operazione così importante. Un pezzo di storia di Monopoli che il certosino lavoro di Napoletano ha fatto rivivere e per il quale il Sindaco di Monopoli, Angelo Annese, ha voluto riconoscere il patrocinio della Città.

 

«Mi sentivo in debito con i monopolitani e non volevo che questa eroica vicenda tornasse negli oscuri lembi dell'indifferenza, cancellando opere e gesta meritevoli di memoria. Monopoli ha la fortuna di annoverare tra i suoi concittadini persone meravigliose ed eccezionali quali il maestro Vincenzo Saponaro ed il Cav. Michele Lafronza, quest' ultimo impegnato a proseguire, ed io al suo fianco per come mi sarà possibile, un fine nobilissimo quale l'istanza della concessione della medaglia d' oro al merito civile per la città di Monopoli. Ringrazio il sindaco Angelo Annese dell'attenzione e dell'amicizia dimostratami, del sincero interesse e voglia di comprendere questo importante nodo storico collocatosi nel cuore della nostra bella Monopoli. Ringrazio con affetto e stima il dott. Sandro Scarafino che da tanti anni ascolta le mie storie su Enrico Levi e che da subito ha compreso il valore storico del suo passaggio a Monopoli e delle gesta dei nostri concittadini. Nulla sarebbe stato possibile senza i miei ragazzi del Circolo Eugenio Curiel in Lussemburgo (www.curiel.lu), Milena Crespi, Roberto Serra, Umberto Picariello ed Europa Controvento con Marco Onorato. Infine, ringrazio Antonio Bini, a cui ho dedicato la mia ricerca: egli mi insegnò che non chi comincia ma chi persevera», afferma l’arch. Nicola Napoletano.

 

Aggiornamenti e notizie