Caso Coronavirus a Monopoli: il Sindaco Annese denuncia contro ignoti

Autore Redazione Canale 7 | Mon, 23 Mar 2020 | 3071 viste | Coronavirus Monopoli Sindaco-Annese Attualità

Il sindaco di Monopoli su caso contagio, nuove norme restrittive attività e di libertà. 

" Buonasera a tutti cari concittadini, eccoci questa sera qui a rifare il punto della situazione.

Parto con l’aggiornarvi sulla situazione della Signora.

Ieri sera è stata trasferita al Policlinico di Bari e sta ricevendo le cure del caso e i contatti stretti sono stati messi in quarantena.

A loro non è stato fatto il tampone perché, così come riferitomi, il protocollo ASL non lo prevede.

In merito a questa situazione, devo smentire, pur comprendendo le paure di tutti noi, la voce che si è fatta spazio in città alimentando odi e rancori di tanti leoni da tastiera o forse meglio definiti “leoni da audio whatsapp”.

La signora NON è stata contagiata da nessuna figlia studentessa fuorisede scesa da Milano e nè tantomeno da altri parenti provenienti dal nord.

Sono stato costretto a esporre denuncia contro ignoti in quanto mi hanno girato un messaggio whatsapp di 2’22’’ dai contenuti raccapriccianti.

Spero che si riesca a risalire al mittente e che venga punito.

Alla Signora va il mio augurio di pronta guarigione e, sono certo, anche il vostro.

Come tutti ormai sappiamo, da oggi è entrato in vigore il nuovo decreto.

I contenuti sono certo che un po’ tutti li conosciate.

Il governo ha deciso di rallentare le produzioni di alcuni settori non necessari lasciando aperte quelle attività produttive e commerciali di servizi essenziali e quelle ad esse connesse.

Il mio invito strettamente personale a chi può restare aperto ma ritiene di volersi fermare è di farlo.

Inoltre voglio ricordare a tutti che se non per lavoro, salute o necessità inderogabile da oggi è vietato uscire dal proprio comune.

In termini di flussi, le autorità di controllo mi evidenziano che, il rallentamento di movimenti già iniziato nella scorsa settimana nella nostra città, oggi sembra essere aumentato e hanno registrato perciò minori movimenti in giro.

A voi tutti va il mio grazie perché oggi rimanere a casa è la soluzione e in tanti la stiamo adottando.

Voglio concludere facendo un breve cenno sui numeri della nostra Regione.

Negli ultimi giorni registriamo una media giornaliera di contagiati superiore a 100 persone (oggi 120) con la nostra provincia che, in termini di numeri, è superiore alle altre.

Ora più di ieri è fondamentale RESTARE A CASA per evitare i contatti sociali così da non permettere i contagi.

I casi stanno aumentando, probabilmente aumenteranno ancora ma lo stare in casa può darci la serenità che stiamo tenendo l’unico comportamento che può salvare noi e quelli che amiamo". 

 

 

Aggiornamenti e notizie