Blitz della Polizia locale a Savelletri: sotto sequestro fioriere e bidoni della spazzatura

Autore Redazione Canale 7 | sab, 14 lug 2018 | 4582 viste | Fasano Sequestro Savelletri Vigili-Urbani

I vigili urbani hanno riscontrato la mancanza di permessi per l'occupazione di suolo pubblico

FASANO - Non c’è pace per alcuni ristoratori di Savelletri. Lo scorso anno, proprio a luglio, incapparono nel sequestro dei dehors, situazione che mise a rischio quasi l’intera stagione. Ad operare furono i vigili urbani di Fasano al comando del maggiore Fernando Virgilio. Ebbene ieri, in piena estate, la Polizia locale fasanese è tornata a colpire. Infatti, sempre con in testa il comandante Virgilio, ha effettuato dei controlli a Savelletri circa presunte occupazioni abusive di suolo pubblico. E in effetti così è stato. Ad un noto ristorante della frazione marinara sono state sequestrate diverse fioriere che il gestore utilizzava per delimitare l’area esterna del locale. Per di più pare che alcune fossero posizionate addirittura in prossimità dello scivolo per disabili. Le fioriere sono state caricate su alcuni mezzi messi a disposizione dalla Tradeco e portati al deposito dell’azienda che a Fasano si occupa della raccolta dei rifiuti. Nei giorni scorsi gli stessi vigili urbani pare avessero fatto sopralluoghi e redatto verbali di rimozione ai proprietari di alcuni Ieri poi sono tornati e notato che nulla fosse cambiato sono passati all’azione. Nei prossimi giorni saranno controllati altri locali per capire se siano in possesso dei permessi. Ma la questione fioriere non è stata l’unica. Infatti il comandante Virgilio e i suoi uomini hanno anche posto sotto sequestro alcuni bidoni della spazzatura di proprietà di alcuni ristoranti sempre a Savelletri. La Polizia locale ha constatato come fossero sporchi e maleodoranti e quindi pericolosi per la salute pubblica. Anche questi contenitori sono finiti sui mezzi Tradeco e portati in deposito.

Pare che alcuni di questi ristoratori abbiano chiesto udienza al sindaco Francesco Zaccaria per questa situazione ma lo stesso primo cittadino si è affrettato a sottolineare che se risultassero vere le mancanze da parte dei ristoratori bene ha fatto la Polizia locale ad intervenire. «Per istruire una pratica di occupazione di suolo pubblico – ha detto Zaccaria – occorrono esattamente cinque minuti. E altrettanti per pagare le dovute tasse. Non conosco bene la situazione ma se le fioriere erano abusive nulla da eccepire sull’operato dei vigili». Quello che lamentano invece gli operatori è che immancabilmente i controlli scattano in piena estate, quando il territorio pullula di turisti e azioni di questo genere rischiano di mettere in ginocchio le varie attività. Ma è anche vero che ve ne sono diverse che hanno provveduto per tempo a mettersi in regola e che quindi anche il “furbetto” di turno poteva farlo a tempo debito. Intanto gli operatori interessati ai controlli hanno già contattato gli avvocati per far valere i propri diritti. i controlli continueranno anche la prossima settimana e non è detto che non ci siano altri sequestri.

Aggiornamenti e notizie