Polignano a Mare: chiuso ristorante sushi per alimenti conservati senza etichette di provenienza

Autore Redazione Canale 7 | Fri, 25 Nov 2022 19:49 | 6159 viste | Guardia-Costiera Cronaca Polignano-A-Mare

La Guardia Costiera ha riscontrato scarse condizioni igienico sanitarie in cui venivano mantenuti i prodotti, sia freschi che congelati.

Gli Ispettori Pesca della Guardia Costiera di Monopoli coordinati dal 6° Centro di Controllo Area Pesca (CCAP), congiuntamente agli Ispettori del Servizio Igiene Alimenti di origine animale << SIAV B >> della ASL BARI Sud, sono intervenuti questa mattina venerdì 25 novembre  presso un ristorante etnico a Polignano a Mare (BA) per effettuare mirati controlli su tracciabilità, procedure HACCP ed igiene.

 

L’ispezione congiunta degli organi di controllo ha permesso di accertare una serie di violazioni da parte del gestore dell’attività commerciale che sono state immediatamente contestate. In particolare, si sono rilevate scarse condizioni igienico sanitarie, il mancato rispetto di tutte le procedure di autocontrollo basate sui principi HACCP e l’assenza di un sistema di tracciabilità dei prodotti alimentari detenuti ai fini della vendita.

Dall’ispezione agli alimenti è scaturito il sequestro amministrativo di oltre mezzo quintale di prodotti alimentari di vario tipo (per la maggior parte ittico) fresco e congelato e detenuto in confezioni artigianali prive di qualunque indicazione utile ai fini della rintracciabilità dello stesso.

A seguito delle suddette contestazioni sono state comminate n.03 (tre) sanzioni amministrative per un importo totale pari a € 4.500,00 e, considerata la gravità, è stata immediatamente disposta la SOSPENSIONE DELL’ATTIVITÀ di ristorazione.

Sospensione che segue a distanza di pochi giorni le altre n.02 (due) effettuate nella vicina Monopoli i cui controlli scaturirono a seguito del malore post-cena di un cittadino che aveva consumato del sushi. Con l’attività odierna, sale a n.17 (diciassette) il numero delle sanzioni amministrative (per un importo totale pari a € 26.500,00) e a circa quattro il numero dei quintali di prodotti alimentari sequestrati dall’inizio degli specifici controlli sui ristoranti etnici

Aggiornamenti e notizie