11 novembre e l'estate di San Martino

Autore Redazione Canale 7 | ven, 11 nov 2022 18:29 | 530 viste | San-Martino Celebrazione Tradizioni Leggenda Attualità

Una ricorrenza tra leggenda e tradizione popolare.

L’11 novembre la leggenda racconta che un giorno d’autunno, probabilmente l’11 novembre, mentre usciva a cavallo da una delle porte della città francese di Amiens, dove viveva, Martino vide un povero, quasi nudo e infreddolito a causa del maltempo. Martino quindi decise di tagliare il suo mantello di lana e di darne metà al povero. Si narra che in quel preciso momento, spuntò un sole caldo, quasi come quello estivo. Per questo, la ricorrenza prende il nome di “estate di San Martino’ e coincide con l’inizio di novembre, quando può succedere che la temperatura diventi più mite. A parte leggende o  credenze popolari, il miglioramento delle condizioni meteorologiche in questo periodo trova una base scientifica: molti esperti concordano sul fatto che la particolare fase di tempo stabile è da ricondursi, ciclicamente, all’espansione dell’anticiclone dalla Spagna verso tutto il Mediterraneo, con condizioni di alta pressione, alte temperature e bel tempo. E tutto questo comunque deve fare anche i conti con l’attuale riscaldamento anomalo del pianeta, dovuto al cambiamento climatico. Intanto l’11 novembre nella celebrazione di San Martino, santo che è considerato patrono degli osti, dei viticoltori, dei sommelier, dei vendemmiatori e persino degli ubriachi, questa giornata è una vera e propria festa popolare, una sorta di celebrazione del carattere più rustico del mondo agricolo. In molte parti d’Italia vengono organizzate sagre, visite alle cantine, passeggiate nei vigneti, concerti popolari ed incontri tematici sul settore vitivinicolo.

Aggiornamenti e notizie