La processione del Venerdì Santo a Taranto

Autore Gianni Catucci | sab, 08 apr 2023 12:19 | 1136 viste | Taranto Riti-Settimana-Santa Processione Tradizione Culto Attualità

Suggestiva come da tradizione a Taranto la processione dei Misteri nel Venerdì Santo, che si è conclusa questa mattina.  

Con tre colpi di Troccola al portone della chiesa Carmine, si è conclusa stamattina Sabato Santo la processione, una delle tre, dei Misteri a Taranto. Le  otto statue che raccontano la passione e morte di Gesù, insieme a quelle della Madonna Addolorata, sono dunque rientrate. Come da tradizione i simboli sono stati aggiudicati dalle gare riservate ai confratelli. Momento emozionante è stato quello del silenzio generale, rotto prima dai colpi del troccolante e poi da un applauso scrosciante e liberatorio dell’intera piazza Carmine gremita di fedeli. I riti della Settimana Santa sono eventi che si svolgono nella città ionica e risalgono all'epoca della dominazione spagnola nell'Italia meridionale, introdotti dal patrizio tarantino don Diego Calò nel 1703.  La Settimana Santa a Taranto inizia il giorno della Domenica delle Palme. Qui le due confraternite che animano i riti si incontrano: la Confraternita dell’Addolorata e della Confraternita del Carmine. Al centro delle attività principali vi sono le operazioni di assegnazione, all’uno o all’altra confraternita, delle statue da portare in processione, per le quali viene indetta un’asta il cui ricavato è poi destinato ad attività di beneficenza nel corso dell’anno. Suggestiva è la partecipazione dei Perdoni, confratelli che in coppia girano per le maggiori chiese della città per visitare i cosiddetti “sepolcri”, a piedi nudi e in abito tradizionale e simboleggino la figura del pellegrino in cammino verso Roma. I Perdoni terminano il lungo percorso, contraddistinto da movimenti lenti, pesanti e dondolanti, al suono sinistro e mesto delle troccole. Con la conclusione della Processione dei Misteri, si apre l’ultima fase della lunga e intensa Settimana Santa tarantina. Qui cominciano le ore dedicate alla preghiera e al raccoglimento per riflettere sulla crocifissione di Gesù, in attesa del suonare festoso delle campane alla mezzanotte che precede la Pasqua di Resurrezione.Un servizio nel telegiornale.

 

 

Aggiornamenti e notizie