Sono ingenti i danni degli storni alle colture, ma non solo

Autore Gianni Catucci | mar, 07 mar 2023 10:32 | 501 viste | Coldiretti-Puglia Storni Danni Agricoltura Attualità

Si aggrava la situazione dei danni provocati dai volatili in Puglia. la denuncia è della Coldiretti regionale.

Clima temperato fuori stagione e piogge sempre più sporadiche fanno proliferare gli storni in campagna che, oltre a mangiare le olive, coprono di escrementi gli ortaggi in campo e pregiudicano le piazzole, arrecando danni ingenti alle produzioni. La denuncia arriva da Coldiretti Puglia, che sottolinea come con il prelievo in deroga risulto uno strumento ormai inadeguato a mettere un freno all’aggravarsi del fenomeno degli storni in Puglia.  Sono migliaia gli questi volatili in campagna che mangiano ognuno fino a 20 grammi di olive al giorno nelle aree olivetate di Bari e Brindisi e sul Gargano nell’epicentro tra San Giovanni Rotondo e Manfredonia, dove il fenomeno delle nubi di uccelli è divenuto quotidiano e pressante. Oltre al danno diretto, non vanno sottovalutati i danni indiretti. Gli storni, infatti, distruggono le piazzole adibite alla raccolta delle olive e gli olivicoltori sono costretti a contrastare una calamità senza averne gli strumenti, condannati, quasi, a riprogrammare la propria attività agraria per scongiurare la distruzione della produzione. Particolarmente colpito dagli storni il settore olivicolo nelle province di Bari e Brindisi nella litoranea tra Polignano a Mare, Castellana Grotte, Monopoli, Alberobello, Locorotondo, Fasano, Cisternino, Ostuni, Carovigno, San Vito dei Normanni, Mesagne e Brindisi e sul Gargano ed il danno si attesta tra il 30 ed oltre il 60% - spiega Coldiretti Puglia - a carico degli olivi. Infine tra l’altro, non è soltanto l’olivicoltura a risultare colpita, dato che il passaggio degli stormi di storni lascia sugli ortaggi quantitativi di escrementi tali da rendere impresentabile il prodotto sul mercato.

Aggiornamenti e notizie