Xylella: dissequestrato l'ulivo infetto di Monopoli

Autore Redazione Canale 7 | gio, 11 apr 2019 | 441 viste | Xylella Procura-Di-Bari Monopoli Ulivo Coldiretti Puglia Agricoltura Cronaca

Dissequestrata la pianta, resta però inibita la particella nella quale insiste l'albero.

E’ stato dissequestrato dalla Procura della Repubblica di Bari l’ulivo infetto da Xylella di Monopoli. A darne notizia è la Coldiretti Puglia.  In questo modo si  potrà procedere all’espianto della pianta infetta. Previa autorizzazione del giudice si procederà con le modalità di accesso al fondo e alla esecuzione e quindi alla eradicazione. “E’ stato dissequestrato l’albero, ma non la particella – scrive il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia – perché la Procura ha ritenuto di dover dare corso all’ eradicazione e alla corretta gestione fitosanitaria della pianta, dovendo tutelare in ogni caso il terreno e l’intera area dalla presenza della sputacchina”.  Come si ricorderà l’autorità giudiziaria aveva disposto il sequestro della pianta di ulivo risultata affetta dal batterio Xylella fastidiosa e l’intera particella ove è situato l’albero presso Masseria Caramanna a Monopoli il 12 gennaio scorso.  “E' indispensabile interrompere qualsiasi forma di contagio degli ulivi nelle aree di contenimento e cuscinetto – aggiunge la Coldiretti – e va suonata la sveglia alla Regione Puglia e all’Arif, perché nel periodo di monitoraggio, dal 5 novembre ad oggi, sono stati ritrovati in Puglia 338 ulivi infetti e negli ultimi 15 giorni ne sono stati espiantati solo 13, 9 a Ostuni e 4 a Carovigno”. La Xylella è certamente la peggior fitopatia che l'Italia potesse conoscere, che ‘cammina’ ad una velocità impressionante, considerato che in 5 anni il danno stimato al patrimonio olivetato ha superato 1,2 miliardi di euro.  La Xylella è avanzata inesorabilmente verso nord ad una velocità di più 2 chilometri al mese il contagio della Xyella con 21 milioni di piante infette, conclude Coldiretti regionale, una strage di ulivi nel Salento che ha creato un panorama spettrale a fronte di perdite di tempo e rimpalli di responsabilità.

Aggiornamenti e notizie