Varato il piano Taranto

Autore Gianni Catucci | mer, 17 gen 2018 | 561 viste | Regione-Puglia Taranto Attualità

Approvata a maggioranza dal Consiglio Regionale la legge sullo sviluppo di Taranto. Si tratta degli indirizzi per lo sviluppo la sostenibilità ambientale e la coesione economica e sociale del territorio tarantino

Il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza (32 voti favorevoli e 8 contrari) il disegno di legge “Indirizzi per lo sviluppo la sostenibilità ambientale e la coesione economica e sociale del territorio di Taranto”.  Con questo provvedimento la Regione intende affrontare il tema del futuro dello sviluppo urbano e della comunità territoriale del capoluogo ionico, sostenendo l'accelerazione di processi di riposizionamento economico e produttivo, sociale e culturale della città.  La legge si propone di valorizzare il potenziale di sviluppo e le risorse locali, mediante la promozione e l’integrazione di filiere produttive di vario genere, di attrarre investimenti strutturali esterni, di internazionalizzare le PMI, di migliorare le condizioni di accesso al credito da parte delle imprese locali, di programmare infrastrutture e servizi avanzati in grado di far emergere nuovi fattori competitivi per lo sviluppo economico ed occupazionale e che favoriscano l’interconnessione tra porti e aeroporti. In questo contesto sono previsti anche il sostegno alle start-up innovative attraverso la parziale copertura delle spese di costituzione e dei costi per l’accesso al credito; l’accompagnamento dei potenziali imprenditori. Un apposito regolamento regionale fisserà modalità e criteri per l’erogazione dei contributi e per la stipula di contratti. La Giunta ragionale viene delegata, entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge, ad adottare il Piano Strategico denominato “Taranto Futuro prossimo”. Tra gli obiettivi emergono la ricollocazione, riqualificazione e riassunzione di lavoratori inoccupati e disoccupati di lunga durata o licenziati, la semplificazione delle procedure autorizzative ambientali per le attività economiche non inquinanti, la tutela e valorizzazione delle risorse urbane e del paesaggio, la rigenerazione urbana e la diffusione di sistemi di produzione dell’energia da fonte rinnovabile.  Nel testo della legge è specificato che la Giunta regionale si impegna a migliorare le condizioni sanitarie della comunità tarantina, attraverso il potenziamento dell’offerta integrata dei servizi sanitari e socio-sanitari e di prevenzione delle patologie oncologiche, a rimuovere i limiti assunzionali in ambito sanitario limitatamente ai presidi ospedalieri, per favorire i processi di potenziamento dell’offerta integrata socio-sanitaria, a derogare agli effetti del Patto di stabilità interno per il comune di Taranto affinché possa fronteggiare le emergenze presenti. “ Una legge ricca di buone intenzioni che nella sostanza, però, non riverserà nulla su Taranto”, hanno dichiarato i consiglieri di Forza Italia che hanno votato contro. “Siamo un po’ delusi. Lo diciamo con franchezza ma anche con molto rammarico perché è un’occasione persa”. Hanno così dichiarato da Direzione Italia. Per il gruppo M5S “ Sulla carta questo testo può essere il primo passo verso la riconversione”.

 


Aggiornamenti e notizie