Rubano bancomat a Torre Canne ma cadono in un dirupo: feriti e arrestati

Autore Redazione Canale 7 | Sun, 20 Sep 2020 | 1364 viste | Fasano Torre-Canne Bancomat Arresto Feriti Perrino Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Fasano hanno inseguito e preso tre dei banditi: uno è in gravissime condizioni 

FASANO - Avevano trafugato lo sportello Atm (bancomat) a Torre Canne ma non avevano fattoi conti con la tempestività dei Carabinieri della Compagnia di Fasano che hanno arrestato parte della banda che, oltre tutto, è finita in ospedale. Ma andiamo per ordine. Dopo aver trafugato il bancomat in via del Faro i banditi, che viaggiavano a bordo di due auto, una Audi A3 e una Lancia Lybra sulla quale avevano caricato il bancomat, sono stati intercettati dai Carabinieri della compagnia di Fasano, che si sono subito lanciati all’inseguimento dei banditi. I malviventi conviti di far perdere le loro tracce si sono lanciati a folle velocità lungo alcune strade secondarie fino ad arrivare nei pressi di una nota struttura ricettiva ubicata a ridosso della strada statale 379 in contrada Sant’Angelo. Trovandosi la strada chiusa dal cancello di ingresso del resort, i banditi non hanno esitato a sfondare con le auto lo stesso cancello e ad entrare nella struttura, sempre inseguiti dalle pattuglie dell’Arma. A quel punto gli occupanti della Lancia Lybra hanno abbandonato l’auto e il bancomat e sono fuggiti a piedi nelle campagne. I tre banditi a bordo dell’Audi hanno continuato la loro corsa fino ad arrivare nei pressi di un muro e trovandosi la strada sbarrata sono scesi dall’auto e, a quanto pare, avrebbero scavalcato il muro cadendo in un profondo strapiombo e rimanendo feriti in maniera seria. Raggiunti dai Carabinieri sono stati bloccati ed è stato richiesto l’intervento delle ambulanze del 118 per soccorrere i tre malviventi feriti (in base alle poche indiscrezioni trapelate si tratterebbe di tre uomini di nazionalità Rom), che sono stati trasportati d’urgenza presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi. Uno sarebbe in condizioni gravissime. I tre, comunque, sono stati arrestati.

Aggiornamenti e notizie