La consigliera comunale Adelaide Ramirez sulla Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Autore Redazione Canale 7 | Wed, 25 Nov 2020 | 253 viste | Monopoli Adelaide-Ramirez Consiglio-Comunale Attualità

Un consiglio a tutte le donne: denunciare sempre.

MONOPOLI - La consigliera comunale di Monopoli al centro dal suo profilo Faceboook : " In occasione della giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che si celebra il 25 novembre di ogni anno,mi accingo a fare un'analisi sul tema per poi esprimere le mie considerazioni personali. Mi rivolgo ai miei concittadini nella duplice veste di donna e di presidente della Commissione che annovera tra le sue competenze anche quella relativa ai servizi sociali. In ordine a questo argomento,i dati in Italia sono allarmanti se pensiamo che ogni anno, viene uccisa una donna su 3. Il fenomeno della violenza contro le donne è ancora una realtà fortemente radicata nel nostro Paese e si manifesta in diverse forme. Esiste quella fisica che si identifica in lesioni personali. Basti pensare che, gli ultimi fatti di cronaca narrano episodi riguardanti lesioni gravissime mediante l' utilizzo dell' acido con l' intento di "cancellare" l' identità della povera vittima. E si pensi allo stupro, allo stalking nonché a forme di reati efferati che spesso si consumano tra le mura domestiche. Si pensi al femminicidio. La violenza fisica è più facile da riconoscere ma purtroppo non è l' unica. Essa può essere anche di natura psicologica e può manifestarsi in forme più subdole se pensiamo agli atti di intimidazione, minacce nonché alle manie di possesso. Rientra in quest'ultima fattispecie un nuovo reato introdotto con la legge 69/2019, il cosiddetto "Revenge porn", una forma di violenza che fa paura perché diffusa tra i giovanissimi ed amplificata da un utilizzo scorretto ed indiscriminato dei social network. In cosa consiste questo reato? Si tratta della diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso della persona rappresentata...una vera e propria violazione alla dignità della persona offesa. Dall' analisi del fenomeno in tutta la sua complessità, ne deriva che dobbiamo sentirci tutti parti lese, tutti coinvolti perché solo la consapevolezza di questa amara realtà può diventare il trampolino di lancio per un cambiamento culturale e sociale. La strada da percorrere è ancora lunga ed in salita ma il cambiamento dipende da noi, da tutti noi. Pertanto, alla luce delle riflessioni esplicitate, sento il dovere di fare un appello alle mie concittadine: per dire NO alla Violenza potete rivolgervi al centro antiviolenza " Il Melograno" che garantisce supporto telefonico H24, colloqui telefonici, servizio di pronto intervento antiviolenza ( tel 0804953712 Cell. 3288212906); potete chiamare il 1522 numero antiviolenza e stalking; potete rivolgervi alle forze dell' ordine. Ed infine, DENUNCIATE sempre, fuggite dai vostri aguzzini prima che sia troppo tardi. Noi ci siamo sempre!!!

#25novembre

Aggiornamenti e notizie