Green Pass obbligatorio dal 20 gennaio per accedere a servizi di cura alla persona

Autore Redazione Canale 7 | Sat, 08 Jan 2022 12:18 | 673 viste | Green-Pass Servizi-Non-Essensiali Obbligo

Coinvolti anche i centri commericali non essenziali. Multe previste per i trasgressori

Una delle novità più rilevanti nell’ultimo decreto ministeriale in materia di covid riguarda l’allargamento della lista delle attività per cui  sarà necessaria la certificazione verde per accedervi, ottenibile con vaccinazione, guarigione o tampone negativo. L'obbligo di Green Pass scatterà anche per i servizi alla persona e per i pubblici uffici, anche se non nello stesso momento. Quest'obbligo non riguarderà solo i negozi, ad esclusione di alimentari, farmacie e attività destinata alle "esigenze essenziali e primarie della persona". Ci sono comunque diversi nodi da sciogliere. Ad esempio, in zona rossa i supermercati restano aperti solamente per la vendita dei beni essenziali e primari. Chi è andato a fare la spesa in zona rossa ha trovato determinati reparti erano chiusi al pubblico, con la vendita di alcuni prodotti quindi vietata. Una regola strategica, inserita per evitare che i supermercati fossero favoriti rispetto a quei negozi che invece hanno dovuto chiudere. La multa per chi entrerà in un negozio senza Green Pass potrà andare dai 400 ai 1.000 euro. Dal 20 gennaio il certificato sarà richiesto per andare dalla parrucchiera, dal barbiere, dall'estetista e in qualsiasi centro di servizi di cura alla persona. Dal 1° febbraio, invece, servirà anche per entrare negli uffici pubblici, nelle banche, negli uffici postali e appunto nelle attività e centri commerciali non essenziali. Un elenco dettagliato degli esercizi commerciali dove diventa obbligatorio il green pass dal 1° febbraio 2022 sarà definito prossimamente dagli uffici tecnici.

 

Aggiornamenti e notizie