Fasano mai domo batte l'Andria 3-2

Autore Redazione Canale 7 | Sun, 27 Oct 2019 | 427 viste | Fidelis-Andria Serie-D Calcio Sport Us-Città-Di-Fasano

I Biancazzurri ribaltano il doppio svantaggio iniziale con un gran finale. Telecronaca Canale7 alle 21.30.

FASANO - Un derby vietato ai cardiopatici. Una Fidelis Andria che gioca solo un tempo, passa in doppio vantaggio ma alla fine deve cedere al ritmo e al gran cuore del Fasano. Decide una rete di Tato Diaz nel recupero e il Curlo esplode. Ma andiamo per ordine. Le due formazioni vogliono cancellare lo scivolone del turno precedente. Il tecnico ospite Giancarlo Favarin conferma il modulo tattico 3-5-2 con Segantini in porta, Porcaro, Cipolletta e Massa in difesa, a centrocampo, da destra a sinistra, Varriale, Bedin, Della Bona, Montemurro e Nannola mentre i terminali offensivi sono Cristaldi e Palazzo. Infortunati i centrocampisti Della Corte, Zingaro e Gava. Sul fronte Fasano non c’è ancora una volta il centrocampista Giorgio Bernardini a cui si aggiunge Leo Serri colpito dalla febbre alla vigilia della gara, mentre recupera l’under Giovanni Schena che va però in panchina. Laterza schiera il classico 4-4-2 ma a guardare l’11 titolare è un modulo spregiudicato con ben quattro attaccanti. Il neo maggiorenne Suma tra i pali, De Vitis e Scardicchio esterni di difesa rispettivamente a destra e a sinistra, Rizzo e Gonzalez centrali, a centrocampo Ganci e Titarelli mentre esterni alti sono Corvino a sinistra e Forbes a destra a supportare gli attaccanti Diaz e Cavaliere.

La partita. Già al 2’ Andria vicinissima al gol: Varriale fugge sulla destra e serve un pallone al centro per l’accorrente Montemurro che di sinistro mette incredibilmente fuori. Risponde il Fasano al 3’ con Ganci che mette di testa fuori su angolo di Corvino. Qualche secondo è arriva il vantaggio ospite: Palazzo si libera di Rizzo e realizza con i fasanesi che reclamano per un’azione fallosa dell’attaccante sul difensore locale. All’11' arriva il raddoppio andriese con Della Bona che pennella una punizione che sbatte e sul palo e s’infila alla sinistra di Suma. Fasano stordito e al 22’ Della Bona ci riprova nuovamente su punizione ma questa volta Suma ci mette i pugni. Al 23’ angolo del solito Della Bona e colpo di testa di Montemurro che però non dà forza e Suma para. Al 25’ la partita si riapre: Porcaro atterra Corvino ed è calcio di rigore che lo stesso numero dieci fasanese realizza. Al 30’ si ripropone il duello Della Bona-Suma con il centrocampista dell’Andria che cerca di sorprendere, senza riuscirci, il portiere del Fasano ancora su punizione. Al 34’ il Fasano sfiora il pari: punizione di Corvino e colpo di testa di Ganci che sbatte sul palo interno a portiere battuto ma torna in campo. Al 42’ doppio tentativo di Diaz: primo tiro ribattuto, il secondo si spegne sul fondo. Ultima emozione del primo tempo al 43’: Della Bona lancia per Palazzo, Suma si oppone alla grande.

La ripresa vede subito un Fasano schiacciare l’Andria nella propria metà campo. Al 8’ Corvino su punizione impegna Segantini che smanaccia. Al 9’ De Vitis lancia Corvino che mette un bel pallone al centro ma gli attaccanti fasanesi cincischiano e l’azione sfuma. Al 39’ ingenuo fallo di Varriale in area su Corvino: secondo calcio di rigore per il Fasano e Corvino non sbaglia. Gli uomini di Laterza spingono e al 92’ trovano il meritato gol vittoria: punizione di Cochis, Segantini non impeccabile e Tato Diaz fa esplodere il Curlo spingendo di testa in rete il 3-2. Finisce così un bel derby tra due formazioni che saranno protagoniste del campionato sino alla fine.


Us Città di Fasano-Fidelis Andria: 3-2 (p.t.1-2)

Marcatori: 3’ p.t. Palazzo (A), 10’ p.t. Della Bona (A), 25’ p.t. e 40’ s.t. Corvino (F), 47’ s.t. Diaz (F).

Us Città di Fasano: Suma, De Vitis, Scardicchio (19’ s.t. Diop), Ganci, Rizzo, Gonzalez, Gomes Forbes, Titarelli (20’ s.t. Schena), Diaz, Corvino, Cavaliere (28’ s.t. Cochis Millicay). All. Laterza. A disposizione Rizzitano, Lorusso, Panebianco, Pittelli, Sisto, Prinari.

Fidelis Andria: Sagantini, Massa, Montemurro (24’ s.t. Kosnic), Porcaro, Bedin, Cristaldi, Palazzo, Varriale, Nannola (24’ s.t. Casella), Della Bona, Cipolletta. All. Favarin. A disposizione D’Andrea, Banegas, Petruccelli, Di Filippo, Arfaoui, Muratore, Tedesco.

Arbitro: D’Eusanio di Faenza.

Note: Spettatori 1600, di cui un centinaio provenienti da Andria. Espulso Ammoniti Dalla Bona (A), Gonzalez (F), Cavaliere (F), Schena (F). Rec. p.t. 1; s.t. 4’.

Aggiornamenti e notizie