Conversano: ufficialmente aperta la crisi politica. Ma a Loiacono basterebbe anche una sola "stampella"

Autore Domenico Dicarlo | lun, 23 set 2019 | 403 viste | Loiacono Crisi Maggioranza Conversano

In una nota, il Sindaco apre la crisi e rimanda la "conta" al prossimo Consiglio comunale

Ufficialmente aperta la crisi politica a Conversano. Dopo le dimissioni odierne dell'assessore Tania Fanigliuolo e la dichiarazione di "indipendenza" di Andrea Colapinto, il Sindaco Pasquale Loiacono apre la crisi. Il tutto, a pochi giorni dall'estromissione di "Conversano a sud-est" dalla Maggioranza. "A seguito della comunicazione pervenuta questa mattina dal consigliere Andrea Colapinto, con cui ha ufficializzato la decisione di abbandonare la coalizione eletta il 24 giugno 2018, facendo in tal modo venir meno la maggioranza consiliare, dichiaro formalmente aperta la crisi politica.

Predisporrò a breve una serie di incontri con le forze politiche e sociali della Città utili a verificare il possibile superamento dell'attuale momento di crisi, le cui risultanze verranno esposte nel prossimo Consiglio comunale, già richiesto dai consiglieri della mia coalizione". Questo il testo emanato dal Sindaco in serata. In realtà, al Sindaco basterebbe anche l'appoggio di un solo elemento della minoranza per avere, numericamente, il numero sufficiente per governare. Saranno giorni decisivi, dunque. Da ricordare che proprio Colapinto e la Fanigliuolo avevano lasciato Inizativa democratica proprio perché il coordinamento provinciale aveva garantito l'appoggio a Loiacono. 

  


Aggiornamenti e notizie