Ostuni (Br) – aveva trasformato la sua edicola in una centrale di spaccio

Autore Redazione Canale 7 | gio, 22 feb 2018 | 619 viste | Ostuni Carabinieri Carabinieri-Brindisi Droga Cronaca

Edicolante ostunese è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione della città bianca

I Carabinieri della Stazione di Ostuni, al termine di attività investigativa, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, , classe 1979 del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, proprietario di un'edicola nel centro storico di Ostuni, nel corso di perquisizione, è stato trovato in possesso di 230 gr. di marijuana, 5 piante della medesima sostanza alte 1,20 metri circa, 80 gr. di hashish, nonché vario materiale utile per il confezionamento delle dosi e la coltivazione delle piante. Lo stupefacente è stato rinvenuto in diversi luoghi, sotto il bancone dell'edicola sono stati rinvenuti 9 vasetti in vetro contenenti marijuana, nonché 3 dosi di hashish; sugli scaffali espositori a muro, celati tra giornali e riviste, 21 dosi di hashish avvolte in un cellophane e custodite in una scatola di plastica nonché ulteriori 10 vasetti in vetro contenenti marijuana. Nell'abitazione, all'interno di un cassetto di un mobile in camera da letto, sono state rinvenute 2 dosi di hashish, oltre a 3 bilancini di precisione e materiale utile per il confezionamento delle dosi. Nel salone, una vera e propria serra con struttura costituita da un telaio di tubolari in ferro dell'altezza di 2 metri coperto da un telone di colore nero, l'intera struttura presenta il rivestimento interno di fogli di alluminio termoriflettenti ed è dotata di impianto di illuminazione, riscaldamento e areazione perfettamente funzionanti. Nella serra sono state rinvenute  5 piante di marijuana in infiorescenza alte 1,20 metri. Inoltre sono stati rinvenuti ulteriori 24 vasetti in vetro contenenti marijuana. La droga e i materiali rinvenuti sono stati sottoposti a sequestro. Su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, l'arrestato è stato condotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.


Aggiornamenti e notizie