Nelle periferie imperversa ancora "rifiuto selvaggio"

Autore Gianni Catucci | mer, 22 feb 2017 | 814 viste | Monopoli Rifiuti

Periferie di Monopoli ancora al centro del cosiddetto rifiuto selvaggio. Piccole discariche nonostante severi divieti e la presenza del centro raccolta multimateriali.


Nonostante tutti i divieti, ma soprattutto l’entrata in funzione lo scorso mese di ottobre del centro raccolta multimateriali, le periferie vengono utilizzate ancora come discariche a cielo aperto. Le quantità si sono ridotte, ma l’incuria e l’inciviltà la fanno ancora da padrona. Le aree preferite e colpite dal cosiddetto rifiuto selvaggio rimangono pressochè le stesse. L’area già sottoposta a sequestro e procedimento penale per reati ambientali, sulla strada comunale che da via Baione - zona industriale, conduce allo svincolo per la statale 16, nei pressi dell’Italgreen, ha visto ridurre la quantità di rifiuti gettati, tuttavia sono presenti ancora in notevole quantità. Immondizie di ogni tipo, anche il solito materasso e parti di accessori d’auto. Anche la carcassa di un cane, abbandonata presumibilmente non da molto tempo. Sempre da quelle parti abbandonati avanzi di potatura di piante,  materiali d’edilizia e sanitari. Ci spostiamo a nord, in località Pantano-Susca, verso il depuratore. Qui lo spettacolo non è dei più edificanti, considerato che si è a breve distanza da attività produttive e soprattutto sportive. Proprio laddove vi è un bel tratto della pista ciclabile. Immondizie in quantità industriale, resti di bivacchi recenti e passati, parti di telai di televisori, piatti e bottiglie di plastica, vuoti di bottiglie di spumante, scarpe e tanto altro. E per degna cornice diversi metri di reticolato arrugginito di una perimetrazione costiera. Un probabile divieto di accesso a quel tratto di costa, forse non più vigente. Comunque davvero uno spettacolo indecente, che stride con la vocazione turistica e del tempo libero, evidenti nelle strutture che sono lì a due passi, peraltro a ridosso di importanti realtà scolastiche.         


Aggiornamenti e notizie