Monopoli: approvate le azioni di contrasto alla Xylella fastidiosa

Autore Redazione Canale 7 | ven, 05 apr 2019 | 424 viste | Monopoli Giunta-Comunale Xylella Agricoltura Attualità

La Giunta Comunale ha stanziato 40 mila euro per gli interventi.

( Da comunicato) - La Giunta Comunale di Monopoli, presieduta dal Sindaco Angelo Annese, nella seduta del 4 aprile 2019 ha approvato il progetto “Azioni di contrasto alla Xylella fastidiosa" redatti dal Servizio Contrade Agricoltura e Verde Pubblico per un importo di € 40.000.

La Xylella fastidiosa è un batterio, patogeno da quarantena, che provoca la morte di 34 piante ospiti tra piante coltivate: olivo, ciliegio, mandorlo, ornamentali o della macchia mediterranea e attualmente la specie più colpita è l’olivo. Il batterio è trasmesso da insetti (emitteri) che si nutrono succhiando la linfa dei vasi xilematici; l’insetto si alimenta succhiando la linfa dalla vegetazione tenera della pianta, pungendo giovani germogli, succhioni e polloni, e acquisisce il batterio esclusivamente nutrendosi da pianta infetta e trasmette il batterio alle altre piante con le punture di alimentazione.

Con determinazione della Regione Puglia n. 3 del 16 gennaio 2019 a seguito del ritrovamento di un albero di olivo infetto da Xylella fastidiosa nell’agro di Monopoli, l’intero territorio cittadino è stato inserito nella zona cuscinetto. Si tratta di una zona indenne in cui deve essere effettuato il monitoraggio e in caso di ritrovamento di un focolaio si devono applicare “misure di eradicazione”. Inoltre, deve essere effettuata anche la lotta obbligatoria agli insetti vettori.

È fatto obbligo per i soggetti pubblici e privati, l’adozione di strategia di lotta per contrastare lo sviluppo della popolazione dell’insetto vettore con l’adozione delle misure fitosanitarie più idonee. In particolare l’intervento predisposto dal Comune di Monopoli mira al contenimento della popolazione dell’insetto quando lo stesso si trova nelle prime fasi di sviluppo in modo da contrastare e ridurre al minimo la popolazione adulta. Nelle fasi giovanili, infatti, l’insetto è caratterizzato da minore mobilità e risulta concentrato nella vegetazione spontanea erbacea presente nei campi coltivati, negli incolti, sulle bordure stradali, nelle scarpate dei corsi di acqua ed area a verde sia pubbliche che private.

Il controllo della popolazione dell’insetto dovrà avvenire, nel periodo che va dal primo marzo a fine aprile. In questo periodo le azioni di contenimento saranno svolte principalmente con mezzi meccanici che mireranno all’eliminazione della vegetazione spontanea presente sulle banchine stradali delle strade comunali. L’eliminazione delle erbe spontanee garantirà il controllo degli stadi giovanili dell’insetto. Nel caso in cui non sia possibile intervenire con i mezzi meccanici il controllo delle infestanti sarà realizzato mediante interventi di pirodiserbo o con parsimoniosi trattamenti a base di disseccante.

Le scelte operative tengono conto delle indicazioni del Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, che promuove pratiche di utilizzo dei prodotti fitosanitari maggiormente sostenibili e fornisce indicazioni per la riduzione dell’impatto dei prodotti fitosanitari nelle aree agricole, extra agricole e nelle aree naturali protette, e della legge regionale n. 45/2014 per la tutela, la valorizzazione e lo sviluppo sostenibile dell’apicoltura, che prevede limitazioni d’uso dei prodotti fitosanitari e la scelta di metodologie di controllo più rispettose degli insetti pronubi.

Aggiornamenti e notizie