Arrestata la madre della neonata abbandonata a Monopoli: è una 23enne di Castellana

Autore Redazione Canale 7 | gio, 30 mar 2017 | 197178 viste | Chiaraluna Arresto Polizia Carcere

La donna è stata fermata e portata nel carcere di Trani.

MONOPOLI - Un fermo di indiziato di delitto con l'accusa di omicidio volontario è stato eseguito ieri pomeriggio, dai poliziotti del Commissariato di Monopoli su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, nei confronti di una 23enne di Castellana Grotte, che, secondo gli investigatori, sarebbe la mamma della bimba abbandonata appena nata su una spiaggia di Monopoli lo scorso 15 febbraio e morta poche ore dopo mentre era ancora nella sabbia.


Il corpo della piccola, ribattezzata Chiaraluna dagli stessi poliziotti del Commissariato monopolitano che insieme al Movimento per la Vita si occuparono del funerale, venne ritrovato - il 16 febbraio - nascosto sotto sabbia e ghiaia sul litorale di Monopoli, in zona Cala Monaci, da alcuni turisti tedeschi. La ragazza è attualmente in carcere a Trani in attesa dell'interrogatorio di convalida. E' accusata di omicidio volontario. Alla ragazza i poliziotti sono arrivati a seguito di una serrata attività investigativa che ha portato prima all'identificazione della giovane, disoccupata, e poi al fermo. L'autopsia aveva appurato che la bimba sarebbe stata partorita viva e successivamente abbandonata sugli scogli ove sarebbe poi morta un paio di ore dopo. Il provvedimento scaturisce dalla necessità di evitare che la giovane, già iscritta nel registro degli indagati, si allontanasse dal territorio nazionale rendendosi irreperibile.






   

Aggiornamenti e notizie